Nella galassia della Leadership da remoto

Giu 17, 2020 | articoli, Leadership da Remoto

L’emergenza da COVID19 ci ha catapultati nella esperienza della gestione di collaboratori e team a distanza. Per molti questa è stata la prima volta.

Ci siamo chiesti come è andato questo viaggio nella galassia semi-inesplorata della Leadership da remoto, e lo abbiamo chiesto ad un campione di nostri Clienti.

Attraverso un questionario on line ci hanno restituito questa prima immagine che condividiamo per stimolare anche altri a partecipare a questa raccolta di informazioni. Utilizzeremo i risultati della survey per trasformare quella che è stata una risposta emergenziale, in un più efficace strumento di gestione manageriale.

Una prima volta per tanti

Per la maggior parte dei rispondenti è stata una prima esperienza assoluta sia per quanto riguarda lo smart working (70%), sia per la gestione di Persone da remoto (80%).

Lo stesso per i team / collaboratori: solo per il 30% non si trattava della prima volta.

Una esperienza impegnativa

E’ stata sicuramente una esperienza molto impegnativa!

La maggior parte dei rispondenti ha lavorato in smart working / da remoto con continuità per tutta la settimana (80%) e l’impegno quotidiano è stato anche superiore alle 10 h (per il 50%).

Il 90% ha tenuto team meeting regolarmente: il 56% lo ha fatto giornalmente.

Tutti hanno tenuto regolarmente one to one con i collaboratori: il 55% quotidianamente.

Luci ed ombre del lavoro da casa

Anche chi gestisce collaboratori e team ha scoperto che lavorare da casa può avere diversi vantaggi. Alcuni di questi forse più imputabili alla risposta alla situazione di emergenza, che al lavoro da casa (maggior compattezza del team 4%, immediatezza delle risposte 4%).

Meno stress dovuto agli spostamenti (25%) e miglior gestione del tempo tra lavoro e vita domestica (21%) sono i principali vantaggi percepiti, insieme ad una maggiore efficenza (17%).

Altresì ha richiesto la gestione di qualche criticità. Alcune molto probabilmente imputabili alla novità della situazione (limiti dei sistemi / postazione di lavoro domestica non adeguata 14%).

Altre invece strettamente legate alla peculiarità del lavoro a distanza che rende la comunicazione interpersonale meno efficace per mancanza di contatto (24%) e minore efficacia nella interazione on line (10%).

Probabilmente in molti hanno tentato di sopperire a questo, incrementando la frequenza dei meeting con i team e dei colloqui individuali. Ma gestire una riunione on line piuttosto che un colloquio individuale, non è proprio come farlo in presenza! Richiede non solo la padronanza dello strumento tecnologico, ma anche una maggiore preparazione.

La difficoltà di concentrazione (10%) è stata per lo più dovuta al sovrapporsi di impegni, ed alla quantità di web conference da seguire, almeno in parte a causa della situazione emergenziale, e che comunque evidenzia come la gestione da remoto imponga una organizzazione del lavoro ed una pianificazione ancora più precisa, necessità resa evidente dalla difficoltà a dividere lavoro da sfera personale lamentata dal 29%.

Fine prima parte

Per leggere l’intero articolo e visionare il Report completo di grafici, visita il sito web.

Pubblicato da

Breve viaggio nella galassia della Leadership da remoto Gestire collaboratori e team a distanza è come farlo in presenza? Quanto impegno e stress ha comportato farlo ai tempi del COVID19? Quali sono stati vantaggi e criticità sperimentate in questo forzato “smart working”? L’emergenza da COVID19 ci ha catapultati nella esperienza della gestione di collaboratori e team a distanza. Per molti questa è stata la prima volta. Ci siamo chiesti come è andato questo viaggio nella galassia semi-inesplorata della Leadership da remoto, e lo abbiamo chiesto ad un campione di nostri Clienti.
#leadership
#remoteleadership
#smartleadership
#ripartenza